area riservata
login
password
Rete Provinciale delle Bibblioteche della Provincia di Massa Carrara
Rete Provinciale delle Biblioteche della Provincia di Massa Carrara
Provincia di Massa Carrara
Provincia di Massa Carrara
Regione Toscana
Regione Toscana
 
   Percorsi tematici
   
« elenco percorsi    
Il periodo parmense (1849-1859)
 

Il trattato segreto di Firenze del 28 novembre 1844 decretò la permuta di alcuni territori tra il Granduca di Toscana, il Duca di Modena e il Duca di Lucca Lodovico di Borbone. I possessi granducali di Pontremoli, Caprio, Zeri, Calice, Bagnone, Filattiera, Groppoli, Lusuolo, Terrarossa, Riccò ed Albiano sarebbero passati a Carlo Lodovico, futuro Duca di Parma, che a sua volta, cedendo Calice, Terrarossa, Riccò ed Albiano al Duca di Modena, da questi riceveva in permuta gli ex feudi imperiali di Villafranca, Mulazzo, Castevoli e Treschietto. La duchessa di Parma Maria Luigia mori. nel 1847 e si dette cosi avvio alla dinamica degli scambi precedentemente stabiliti. Nel gennaio del 1848, con l'arrivo a Pontremoli di un commissario straordinario, venne costituita la Lunigiana Parmense, comprendente tutti i territori dell' alta val di Magra. I popoli lunigianesi si opposero strenuamente al nuovo regime e i comitati comunali, approfittando della confusione politica che si era venuta a creare dopo la dichiarazione della guerra all'Austria, dettero vita ad un Governo Provvisorio che segnò l'annessione della Lunigiana Parmense al Granducato di Toscana. Nella primavera del 1849, quando le sorti della la guerra d'indipendenza volsero a favore dell' Austria e Carlo Lodovico venne riportato sul trono, la Lunigiana settentrionale venne nuovamente aggregata al Ducato di Parma, con la denominazione di Provincia di Pontremoli.

La provincia era divisa in sei comuni: Bagnone, comprendente a sua volta 19 comunelli, Filattiera, Mulazzo, Pontremoli, Villafranca, Zeri, il capoluogo era Pontremoli. Bagnone divenne anche sede di una esattoria per la riscossione delle imposte.

Il governo di Carlo III si rivelò alquanto dispotico e nel 1854 il duca venne assassinato a Parma. La moglie Maria Luisa assunse il potere in nome del figlio minorenne, ma nel 1859 scoppiarono i moti rivoluzionari che videro le popolazioni lunigianesi decisamente orientate verso il Piemonte, il quale decise l'annessione della Lunigiana Parmense.

La produzione documentaria riguardante i vari aspetti della vita della podesteria (amministrativo, fiscale, sociale, demografico), affidata ai podestà, è caratterizzata dalla redazione di una serie di registri di diverse dimensioni: dai cospicui volumi che raccolgono i dati relativi allo stato della popolazione risultante dai censimenti annuali, ai registri di poche carte in cui sono state trascritte le dichiarazioni dell'avvenuta pulizia dei camini.

 

Vedi anche:
 
 
« Circondario di acque e strade di Bagnone (1838-1849) - indice - SocietÓ teatrale di Bagnone (1805-1923) »
Indice percorsi | percorsi per immagini | mappa della sezione | ricerca immagine
   
Segreteria di rete  Responsabile: Francesca Guastalli - Archiviste: Monica Armanetti, Paola Bianchi
Tel. 0187.427834 - Fax 0187.429210   E-mail: biblioteca@comune.bagnone.ms.it
by Tor Graphics